Federcomated
News & Eventi
Milano, 01/02/2018
Completati gli organici del nuovo direttivo FEDERCOMATED

Il neo eletto direttivo di Federcomated (Federazione Nazionale Commercianti Cementi Laterizi e Materiali da Costruzioni Edili) ha completato l’assegnazione degli incarichi dell’esecutivo.

Infatti, dopo la riconferma di Giuseppe Freri alla presidenza da parte dell’assemblea il 25 Novembre scorso, il Consiglio, nella seduta del 1° Febbraio 2018, ha provveduto a cooptare la dr.ssa Carmela De Masi quale membro del consiglio direttivo e ha eletto i due vice presidenti nelle persone del dr. Michele Dioguardi (Taranto) e della neo cooptata Carmela De Masi (Roma). Su proposta del presidente il Consiglio ha nominato vice presidente vicario il dr. Dioguardi.

Il Consiglio ha eletto, inoltre, la giunta esecutiva chiamando a farne parte, oltre al presidente e ai due vice presidenti, i signori Luca Berardo (Cuneo), Giulio De Angelis (Avellino), Gian Luca Ferri (Lodi), Massimiliano Murri (Roma), Sergio Puttini (Napoli) e Matteo Valdé (Como).

Segretario Generale è stato confermato il dr. Mario Verduci.

Sono state inoltre conferite  le seguenti deleghe:

  • Rapporti con le aggregazioni, gruppi, multipoint, etc.
    Luca Berardo
  • Sviluppo e infrastrutture per il Mezzogiorno
    Giulio De Angelis
  • Credito
    Michele Dioguardi
  • Comunicazione e marketing
    Gian Luca Ferri
  • Sviluppo e infrastrutture per il Centro Italia
    Massimiliano Murri
  • Logistica e trasporti
    Sergio Puttini

Il Consiglio ha approvato il programma di lavoro per il quinquennio (disponibile al link sotto riportato), il quale è imperniato sull’innovazione, nel miglioramento delle relazioni con il mercato, sulla ricerca di nuovi modelli di offerta, sulla digitalizzazione, nella valorizzazione e diffusione della cultura dei prodotti e materiali per edilizia e per la tutela dell’ambiente e del risparmio energetico, nella crescita dimensionale dell’impresa distributrice, nell’accesso ai mercati finanziari e nella tutela del credito.

Programma di lavoro